torna su Aree Riservate
trasparenza Banco BPM
X Chiudi


Nel maggio del 1870 viene fondato il “Banco di Sconto del Circondario di Chiavari” che si sviluppa con costante gradualità; nei primi cinquant’anni  della sua attività, l’Istituto vede allargarsi la propria presenza nella Liguria di Levante, con l’apertura a Rapallo della prima agenzia cui ne seguono altre, e in Genova, dove diviene ben presto una delle principali banche del capoluogo ligure. La sede genovese viene individuata nella storica via Garibaldi nel palazzo Spinola Gambaro che Pantaleo Spinola fece progettare nel 1558 dall’architetto Bernardo Spazio. Nel 1921 l’Istituto assume la ragione sociale Banco di Chiavari e della Riviera Ligure.
E’ poi nel 1968 che il pacchetto di maggioranza della banca viene acquistato dalla Banca Commerciale Italiana: l’istituto mantiene le sedi direzionali a Genova e Chiavari ed autonomia, tanto da venire successivamente quotato in borsa.
Alla fine degli anni 70 del novecento, l’influenza della banca si estende nella zona del ponente ligure, fino a quando nel 1999, a seguito della fusione tra Comit e Banca Intesa, il Banco di Chiavari entra a far parte del Gruppo Intesa.
Nel corso del 2003, la banca entra a fare parte del Gruppo Bancario Bipielle e viene incorporata in Banca Popolare di Lodi, ridenominata, da lì a due anni, Banca Popolare Italiana.
Oggi il Banco di Chiavari è parte del Banco BPM,  il gruppo bancario nato il 1° luglio 2007 dalla fusione tra il Banco Popolare di Verona e Novara e la Banca Popolare Italiana.